I primi tre mesi di attività del Governo Gentiloni: le principali misure

  1. EMERGENZA E PROTEZIONE CIVILE
  2. MEZZOGIORNO COESIONE TERRITORIALE 
  3. TUTELA DEL RISPARMIO 
  4. GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI 
  5. SICUREZZA DELLE AREE URBANE 
  6. MERCATO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI 
  7. ISTRUZIONE 
  8. DIRITTI CIVILI
  9. CULTURA E TURISMO 
  10. SALUTE 
  11. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 
  12. GIUSTIZIA 
  13. AMBIENTE 
  14. AGRICOLTURA 
  15. CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE 
  16. ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA COMUNITARIA

Il Governo, sin dall’inizio del suo mandato, ha agito contemporaneamente su più fronti. Infatti, se da un lato ha affrontato le questioni più urgenti con l’approvazione di 6 Decreti Legge ed il lancio di nuovi programmi di riforma, dall’altro ha operato per assicurare il completamento delle riforme varate dal precedente Esecutivo. Particolare attenzione, inoltre, è stata prestata all’attuazione della normativa comunitaria, dalla quale derivano 18 dei 45 decreti legislativi complessivamente approvati dal Consiglio dei ministri.
Per quanto concerne l’attuazione in via amministrativa delle leggi, che in molti casi è necessaria per rendere operative le riforme, il Governo in tre mesi ha adottato 58 provvedimenti attuativi, di cui 52 di riforme del precedente Esecutivo e 5 riferiti ai Governi Monti e Letta, continuando l’impegno, già intrapreso dal 2014, di accelerare l’adozione di tutti i provvedimenti ed in particolare di quelli più rilevanti.
Nei primi tre mesi di attività sono state varate numerose ed importanti misure, che sono descritte nel breve resoconto che segue.

EMERGENZA E PROTEZIONE CIVILE

All’inizio del 2017 il Governo è intervenuto con il decreto legge n. 8 del 9 febbraio 2017 per varare, in una logica di complementarietà con il precedente Esecutivo, un ventaglio di misure volte a fronteggiare le situazioni di emergenza scaturite dagli eccezionali eventi sismici e meteorologici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo . Tra queste, la semplificazione dei procedimenti amministrativi per velocizzare la ricostruzione, l’estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza adottata con la delibera del 25 agosto 2016, gli interventi di sostegno alle attività produttive, la sospensione degli adempimenti fiscali, alcune misure specifiche per i soggetti in condizione di disagio economico residenti nelle zone colpite dal sisma, la proroga della Cassa integrazione e l’autorizzazione di un ulteriore stanziamento di 30 milioni di euro per gli interventi legati alla fase di emergenza. Il Consiglio dei Ministri del 10 marzo 2017, inoltre, ha deliberato un nuovo stanziamento di 70 milioni.
Quanto ai provvedimenti attuativi di secondo livello, il Governo ha provveduto sia all’adozione del Decreto Ministeriale che Riconosce i  Comuni colpiti dagli eventi sismici come aree di crisi industriale complessa, al fine di consentire l’applicazione dei relativi regimi di aiuto (adottato il 22 dicembre 2016), sia il  provvedimento, previsto dalla Legge di Stabilità 2016, per la definizione delle modalità di fruizione del credito di imposta riconosciuto in capo ai beneficiari dei finanziamenti agevolati concessi per far fronte ai danni causati da calamità naturali al patrimonio privato e alle attività produttive.

MEZZOGIORNO COESIONE TERRITORIALE

Il rilancio del Mezzogiorno costituisce una delle principali priorità programmatiche del Governo. In quest’ottica, con il  decreto legge n. 243 del 29 dicembre 2016 il Governo ha disposto, tra l’altro, la stabilizzazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori dell’ILVA di Taranto e lo stanziamento di 70 milioni di euro per il rinnovo e il potenziamento della dotazione delle strutture sanitarie sempre dell’area di Taranto, nonché lo stanziamento di 30 milioni per garantire assistenza sociale alle famiglie disagiate residenti nella stessa area.

TUTELA DEL RISPARMIO

Uno dei primi interventi legislativi in ordine di tempo ha riguardato la tutela del risparmio nel settore creditizio. Il Governo è intervenuto con il  decreto legge n. 237 del 23 dicembre 2016 per dare ossigeno al sistema bancario, con l’obiettivo di tutelare i risparmiatori dal rischio di perdere i propri investimenti in caso di default bancario. Tra le misure più importanti previste dal  decreto vi è infatti quella che autorizza il Ministero dell’economia a concedere alle banche in difficoltà la garanzia dello Stato sulle passività.

GESTIONE DEI FLUSSI MIGRATORI

Con il decreto legge n. 13 del 17 febbraio 2017, il Governo ha adottato alcune norme  per  ridurre  i  tempi  di  concessione  dell’asilo  e  contrastare l‘immigrazione illegale. Si prevedono, tra le altre, misure per rendere effettivi  i  provvedimenti  di  espulsione,  il  potenziamento  della  rete  dei centri di identificazione ed espulsione (che vengono ridenominati Centri di permanenza per il rimpatrio), l’istituzione di 14 sezioni di tribunali specializzate  in  materia  di  immigrazione  nonché  l’impiego  dei  richiedenti asilo, su base volontaria e gratuita, nello svolgimento di attività con finalità di carattere sociale. Per sostenere l’attività delle amministrazioni locali impegnate nell’accoglienza, è stato inoltre adottato, il 20 gennaio 2017, il decreto ministeriale  di riparto, ai comuni interessati, delle risorse del Fondo di 100 milioni con il quale lo Stato concorre agli oneri dei Comuni che accolgono richiedenti protezione internazionale.

SICUREZZA DELLE AREE URBANE

In questo settore il Governo è intervenuto con un provvedimento urgente (decreto legge n. 14 del 20 febbraio 2017), per l’introduzione di nuove misure, prevalentemente di tipo sanzionatorio, a tutela della sicurezza urbana che, per la prima volta, è stata qualificata bene pubblico.

Con questo provvedimento il Governo ha rafforzato il ruolo dei sindaci nell’azione di controllo del territorio attraverso un ricorso più frequente allo strumento del potere di ordinanza da esercitare, in particolare, per la prevenzione dei fenomeni di illegalità. Sul versante del regime sanzionatorio la novità introdotta – sulla falsariga della legge sugli stadi – è quella del “daspo urbano” che prevede l’allontanamento del trasgressore dalla città.

MERCATO DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI

Con il decreto legislativo “Milleproroghe” è stata prorogata a tutto il 2017,la Cassa Integrazione salariale Straordinaria per le imprese operanti in aree di crisi industriale complesse. Nel campo delle politiche sociali, il Consiglio dei Ministri del 19 febbraio 2017 ha approvato, in via definitiva, il decreto legislativo – previsto dalla riforma del terzo settore (legge n. 106 del 6 giugno 2016) – che prevede l’istituzione del servizio civile universale. L’obiettivo è quello di configurare il servizio civile come strumento di difesa non armata della Patria, di educazione alla pace tra i popoli e di promozione dei valori fondativi della Repubblica. Si prevede, in particolare, il coinvolgimento di giovani italiani ed europei, in età compresa tra i 18 e 28 anni, mediante programmi di intervento funzionali alla tutela del patrimonio ambientale, storico, artistico e culturale delle aree territoriali, alla riqualificazione urbana, nonché alla promozione della pace tra i popoli, alla difesa dei diritti umani e della cultura italiana all’estero. Inoltre, il 17 febbraio 2017, è stato adottato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri – previsto dalla Legge di bilancio 2017 – per l’erogazione di un buono annuale di 1000 euro per la frequenza di asili nido pubblici e privati, nonché per l’introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione  in  favore  dei  bambini  al  di  sotto  dei  tre  anni  affetti  da  gravi patologie croniche.

ISTRUZIONE

Per completare la riforma varata nel 2015, il Governo ha approvato, in via preliminare, 8 dei 9 decreti legislativi previsti dalla riforma della scuola (legge 107 del 13 luglio 2015). I decreti riguardano, tra l’altro, la promozione dell’inclusione scolastica degli alunni con disabilità, il rafforzamento dell’integrazione tra istruzione e formazione professionale, nonché il diritto allo studio, che il MIUR ha voluto garantire anche con l’adozione del decreto ministeriale che definisce le modalità di individuazione dei destinatari del Fondo istituito dalla Legge di Stabilità 2016 (10 mln per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018) per il contributo all’acquisto dei libri di testo e altri materiali didattici fino all’assolvimento dell’obbligo di istruzione scolastica.

DIRITTI CIVILI

La nuova disciplina delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e delle convivenze, introdotta dalla  legge n. 76 del 20 maggio 2016, è stata resa pienamente operativa con l’approvazione definitiva – avvenuta il 14 gennaio 2017 – di 3 decreti legislativi che, attuando la delega al governo nella  materia,  adeguano  alla  legge  le  disposizioni  dell’ordinamento dello Stato Civile in materia di iscrizioni, trascrizioni e annotazioni e coordinano le norme del diritto interno con quelle del diritto internazionale.E’ stato inoltre adottato il decreto ministeriale relativo alla tenuta dei registri dello stato civile nella fase antecedente all’entrata in funzione degli archivi informatici.

CULTURA E TURISMO

Allo scopo di rilanciare il settore turistico e la leadership italiana sul mercato turistico mondiale, il 17 febbraio 2017, è stato approvato il  Piano strategico del turismo per il quinquennio 2017/22, che punta, in particolare, a innovare e promuovere il marketing del brand Italia. Il Governo, inoltre, ha deliberato un disegno di legge per la riforma della disciplina sanzionatoria in materia di reati contro il patrimonio culturale

SALUTE

Il 12 gennaio 2017 è stato varato, dopo un lungo iter preparatorio, il  decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ridefinisce, dopo 15 anni, i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), che individuano le prestazioni che il Servizio Sanitario Nazionale deve erogare gratuitamente o dietro pagamento del ticket. Il provvedimento è intervenuto innovando un sistema ormai  datato  nel  quale,  da  un  lato  figuravano  molte  prestazioni  ormai obsolete e, dall’altro, le amministrazioni non erano obbligate ad assicurare ai propri assistiti alcuni trattamenti diventati ormai fondamentali. Grazie anche allo stanziamento di 800 milioni di euro, i LEA sono stati notevolmente ampliati. Tra le prestazioni che ora ne fanno parte si segnalano: il vaccino contro il Meningococco B (gratuito), la procreazione medicalmente assistita, l’assistenza per la diagnosi e la cura dei disturbi autistici, lo screening neonatale per la sordità congenita.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Con l’approvazione preliminare di 5 decreti legislativi, è stata completata, il 23 febbraio 2017, l’attuazione normativa della riforma della Pubblica Amministrazione di cui alla legge. n. 124 del 7 agosto 2015. Tali provvedimenti  riguardano: il nuovo Testo Unico del pubblico impiego, la valutazione della performance dei dipendenti pubblici, la riorganizzazione del Corpo dei Vigili del fuoco, la revisione dei ruoli delle forze di polizia, l’introduzione del Documento unico di proprietà degli autoveicoli Inoltre, il Governo ha approvato un disegno di legge delega per la revisione del modello operativo e la riorganizzazione delle forze armate (Libro Bianco della difesa).

GIUSTIZIA

Il   Governo   è   intervenuto,   in   attuazione   di   un   preciso   orientamento comunitario, per introdurre norme sulla lotta alla corruzione nel settore privato. Le principali novità previste dal decreto legislativo, approvato in via definitiva il 10 marzo 2017, riguardano l’ampliamento della sfera dei soggetti punibili e delle condotte sanzionabili. Sempre in attuazione di norme comunitarie, riconducibili in questo caso ad una Convenzione UE, il Governo ha poi adottato un decreto legislativo per definire la disciplina in materia di assistenza giudiziaria in sede penale tra gli Stati membri dell’UE, con l’obiettivo di intensificare la lotta alla criminalità su scala europea.

AMBIENTE

Il Governo ha adottato 4 decreti legislativi di recepimento della normativa comunitaria (di cui 1 in corso di approvazione definitiva) che riguardano, in particolare, la nuova disciplina per la realizzazione delle infrastrutture per i combustibili alternativi, i metodi di calcolo e gli obblighi di comunicazione in materia di qualità della benzina e del combustibile diesel e la disciplina delle sanzioni applicabili in caso di violazione di regolamenti europei a tutela della salute dei consumatori e dell’ambiente. Il Consiglio dei ministri del 10 marzo 2017, inoltre, ha approvato in via preliminare un decreto legislativo per la nuova disciplina in materia di Valutazione d’Impatto Ambientale, volto a rafforzare il sistema di tutela ambientale ed a rilanciare la crescita sostenibile.

AGRICOLTURA

Il Governo è fortemente impegnato nell’attuazione del progetto Banca delle Terre Agricole”, previsto dalla legge n. 154 del 28 luglio 2016, al fine di favorire la competitività dell’agricoltura italiana, che vuole promuovere la vendita di terreni agricoli di proprietà pubblica. La “Banca delle Terre Agricole”, amministrata dall’Ismea, è alimentata sia con i terreni derivanti dalle attività fondiarie gestite dall’Istituto, sia con quelli appartenenti a Regioni e Province Autonome o altri soggetti pubblici interessati a dismettere i propri terreni. I primi 8.000 ettari di terreni di proprietà di Ismea sono tutti in piena  coltivazione  e  saranno  destinati  con  corsia  preferenziale  ai giovani, ai quali potranno essere concessi mutui particolarmente agevolati. Le  risorse  finanziarie  della  vendita,  inoltre,  saranno  finalizzate esclusivamente ad interventi in favore dei giovani agricoltori.

CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE

In  attuazione  di  una  Direttiva  europea,  il  Governo  ha  approvato  in  via definitiva un decreto legislativo in materia di contrasto all’evasione fiscale, che rende obbligatorio lo scambio di informazioni fiscali nell’ambito di accordi commerciali preventivi transfrontalieri (ruling) e degli accordi preventivi sui prezzi di trasferimento, fino ad oggi previsto solo in via opzionale.

ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA COMUNITARIA

L’attuazione della normativa comunitaria rappresenta un segmento molto rilevante dell’attività del Governo, dal quale derivano gli interventi sopra descritti nei settori Giustizia, Ambiente e Contrasto all’evasione fiscale. Ad essi vanno aggiunti:

  • il disegno   di   legge   delega   in   materia   di   affidamento   di concessioni demaniali marittime, approvato dal Governo per conformarsi alle linee direttive di una sentenza della Corte di giustizia;
  • il disegno di legge che delega il Governo al recepimento di venticinque direttive europee e all’attuazione di sei regolamenti europei (Legge europea 2017);
  • il decreto legislativo  approvato  in  via  preliminare,  che  fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione.

File allegato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here